top of page
Cerca
  • Libereria

OLTREPASSANDO QUEL CANCELLO di Lorena Giardino

Oltrepassando quel cancello,

tra percorsi impervi e sconnessi

e strade percorse controcorrente

Lì c’è la vita, quella vera.


Quella vissuta oltre misura,

dondolando su trame di ragnatela

quella che lascia segni sulla mani

sui corpi, sui volti.


Quella che ogni passo è traguardo

e quella

che traguardo è linea immaginaria

oltre la quale il baratro si fa possibilità.


Eppure quanta struggente bellezza tra quei muri di carta

su quei volti induriti

tra quei girotondi improbabili

sulle mani che si cercano e si intrecciano.


Disarmonie che si fanno splendore di luce

solamente se l’occhio sa dove guardare.

Piccoli gesti che profumano di umana bellezza

la prossimità trovata nell’aggrapparsi a una distanza.


Oltrepassando quel cancello

27 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page