Cerca
  • Libereria

OLTREPASSANDO QUEL CANCELLO di Lorena Giardino

Oltrepassando quel cancello,

tra percorsi impervi e sconnessi

e strade percorse controcorrente

Lì c’è la vita, quella vera.


Quella vissuta oltre misura,

dondolando su trame di ragnatela

quella che lascia segni sulla mani

sui corpi, sui volti.


Quella che ogni passo è traguardo

e quella

che traguardo è linea immaginaria

oltre la quale il baratro si fa possibilità.


Eppure quanta struggente bellezza tra quei muri di carta

su quei volti induriti

tra quei girotondi improbabili

sulle mani che si cercano e si intrecciano.


Disarmonie che si fanno splendore di luce

solamente se l’occhio sa dove guardare.

Piccoli gesti che profumano di umana bellezza

la prossimità trovata nell’aggrapparsi a una distanza.


Oltrepassando quel cancello

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS229 di Alessandro Mazzà

Perché ho in testa una canzone? Non è veramente nella mia testa mi sta dicendo cos’è una testa Cos’è una canzone? È la figlia e la madre della musica e non è una risposta e non è una risposta questa O

SENZA TITOLO di Jans Illusion

Nel mio mondo ormai artefatto Lei non appare mai e si naviga nel tormento.

IL VOLO DEI GABBIANI di Sandra Iai

Strappami dalle grinfie del mondo il volo dei gabbiani dice che hai la forza per farlo Solleva quest'involucro dalla cera che cola da questa pozza di sangue creata dal pensiero Afferra i miei polsi e