Cerca
  • Libereria

OMBRA di Marco Domenico Grastolla

Questo inchiostro cangiante

che mi segue strisciando,

come fosse perennemente

in agguato, in silenzioso

comportarsi copia i miei passi.

S'allunga, si stira, sguscia

tra pali e ruvidi muri;

s'acquatta, si ritira, svanisce

tra siepi e crepe profonde.

All'ombra basta la più flebile

luce per destarsi,

e io non posso camminare con passo sicuro nell'ora più buia senza più d'una luna nel cielo. Credo resterò ancora per poco qui, tra i miei pensieri e uno spettatore nero e taciturno: presto torneremo a casa, e tra pareti color pece ci annulleremo insieme nel sonno.

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone. Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte. Sono stato l'amore. Per diventare il suo sangue, la s

NVS208 di Alessandro Mazzà

Cosa scrivo? Il poema dell’inesistenza dello spazio e del tempo e del loro fare un bel male Tutto intero il libro del mondo nel piccolo mio capitolo del libro del mondo Che sono un uomo che vuol dire

IL GESTO DELL'ABBRACCIO di Sandra Iai

Il libro fa il gesto dell'abbraccio prendendo i tuoi pensieri li custodisce nel segreto delle sue pagine chi vorrà muovere i suoi passi chi si soffermerà al suo interno avrà preso la decisione di entr