Cerca
  • Libereria

OMBRA di Marco Domenico Grastolla

Questo inchiostro cangiante

che mi segue strisciando,

come fosse perennemente

in agguato, in silenzioso

comportarsi copia i miei passi.

S'allunga, si stira, sguscia

tra pali e ruvidi muri;

s'acquatta, si ritira, svanisce

tra siepi e crepe profonde.

All'ombra basta la più flebile

luce per destarsi,

e io non posso camminare con passo sicuro nell'ora più buia senza più d'una luna nel cielo. Credo resterò ancora per poco qui, tra i miei pensieri e uno spettatore nero e taciturno: presto torneremo a casa, e tra pareti color pece ci annulleremo insieme nel sonno.

31 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof