Cerca
  • Libereria

OTTOBRE di Noemi Agostino

Un passero muto

si poggia

su madido ramo di pino


d’improvviso si desta

canta melodioso

e attarda

il sentimento penoso

ed ebbro di vino.


Scroscio di pioggia

a dirotto

bussa sui timpani stanchi,


non odo

le delicate corde di violino

soggiogare l’aria

e questi sensi insipidi e manchi.


Non posseggo l’udito,

l’ardito canto

è dunque

mai esistito?

42 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st