Cerca
  • Libereria

OTTOBRE di Noemi Agostino

Un passero muto

si poggia

su madido ramo di pino


d’improvviso si desta

canta melodioso

e attarda

il sentimento penoso

ed ebbro di vino.


Scroscio di pioggia

a dirotto

bussa sui timpani stanchi,


non odo

le delicate corde di violino

soggiogare l’aria

e questi sensi insipidi e manchi.


Non posseggo l’udito,

l’ardito canto

è dunque

mai esistito?

38 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS195 di Alessandro Mazzà

La seria entità convenzionalmente individuabile nella particella complessa d’energia mutevole per uno dei suoi più noti transiti denominata A.M. ha lasciato meno faticosamente di quanto appare il corp

ORATIO di Sandra Iai

Chi mi restituirà quest'attimo unico irripetibile che sta fuggendo via? Mentre scrivo preziosi istanti come acqua limpida scivolano tra le mie dita E quando il mio sguardo è puntato al domani e gli oc

SPECCHIO di Majlinda Petraj

Poso a terra il carico di fango, sassi e vestiti da cerimonia e mi siedo al centro di Me aspettando. La 'bambina' titubante dondolando sui suoi passi s'avvicina, si siede di fronte. Ci guardiamo. Guar

© 2017 Libereria