Cerca
  • Libereria

PANORAMI di Rossana Pagano

Paesaggio umano raccogli tante facce. Punti di vista multipli, fissi, variabili. La montagna è alta? Il cielo è azzurro? Quante onde increspano il mare? Il panorama scorre, non è mai uguale dalle nuvole alla terra, dagli alberi al mare. La cartolina lo fissa, lo guarda e lo trattiene. Forte tentazione di lasciarlo così, fermo e uguale, di salutare amici di mandare baci. L'immagine standard è cristallizzata, ciò che non è più continua ad esistere. Dolce nostalgia di tenere in piedi ciò che è assente, di fermare la crescita di ciò che evolve. Le radici affondano profonde, scavano il terreno saldamente, stabili, in equilibrio. Un pino corre in verticale straccia asfalto e tubature cede alla tempesta danneggia le vicine istanze, il vento fischia nei suoi rami. Shhh. Silenzio, ora. Il paesaggio è mutato, e muti contempliamo l'orizzonte. Ci sono silenzi che parlano, ci sono silenzi che pensano. E ci sono parole superflue che fanno solo rumore e ci sono parole che rotolano solo per rompere l'imbarazzo. E ci sono parole che aspettano, aspettano il tempo opportuno, Poi ci sono orizzonti che cambiano che non riuscirai a incorniciare perché mentre tutto si muove, le tue radici scendono sempre più in fondo.

98 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st