Cerca
  • Libereria

PANORAMI di Rossana Pagano

Paesaggio umano raccogli tante facce. Punti di vista multipli, fissi, variabili. La montagna è alta? Il cielo è azzurro? Quante onde increspano il mare? Il panorama scorre, non è mai uguale dalle nuvole alla terra, dagli alberi al mare. La cartolina lo fissa, lo guarda e lo trattiene. Forte tentazione di lasciarlo così, fermo e uguale, di salutare amici di mandare baci. L'immagine standard è cristallizzata, ciò che non è più continua ad esistere. Dolce nostalgia di tenere in piedi ciò che è assente, di fermare la crescita di ciò che evolve. Le radici affondano profonde, scavano il terreno saldamente, stabili, in equilibrio. Un pino corre in verticale straccia asfalto e tubature cede alla tempesta danneggia le vicine istanze, il vento fischia nei suoi rami. Shhh. Silenzio, ora. Il paesaggio è mutato, e muti contempliamo l'orizzonte. Ci sono silenzi che parlano, ci sono silenzi che pensano. E ci sono parole superflue che fanno solo rumore e ci sono parole che rotolano solo per rompere l'imbarazzo. E ci sono parole che aspettano, aspettano il tempo opportuno, Poi ci sono orizzonti che cambiano che non riuscirai a incorniciare perché mentre tutto si muove, le tue radici scendono sempre più in fondo.

95 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria