Cerca
  • Libereria

POSTERIORI di Marco Zanni

Espressionismo a perdere.

L'anonimo frastuono dei motori ha lasciato la strada sotto il mio balcone

fumo dietro alla tenda ingiallita ho gettato spugna guanti ed ambizioni

mi resta quel poco di pragmatica lealtà, il fondo di qualche bottiglia

il lavandino sporco mucchi di piatti da lavare

i vestiti lanciati dove capita le tue mutande sopra al comodino

la passerella su cui sfoggiavi il tuo sadico entusiasmo

piume di strass e foglie morte artiglieria pesante

mangiavamo piombo in cambio di sterili proteste

nel grigio della nebbia velenosa perdevamo ogni promessa

la porta a vetri finita in pezzi strisciate di sangue alle pareti

offese gridate in faccia fino a farci bruciare la gola

mancanze rinfacciate relazioni penitenze momentanee

le mie maledizioni scivolavano sulla tua esperienza da attrice consumata

le tue euforie sconsiderate depressioni da due soldi

per quanto io insistessi mi sopportavi a malapena per amore di te stessa.

Eppure eri bellissima, cazzo.

Eri bellissima.

64 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin