Cerca
  • Libereria

RICORDI di Alessandra Bloise Diana

Il cielo era tinto vermiglio

striature come pennellate frugali

a coprire nuvole di zucchero filato

- le avresti mangiate volentieri


Da lì si vede il mare

un monte che si tuffa

e campi aperti

e spazio per la tua libertà


Invece qui c’è un grande vuoto

un insopportabile rimbombo

il sentore di te


Ingannati da un tempo che non ci è più dato

ci voltiamo

Intatta sei ancora qui

27 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof