Cerca
  • Libereria

RIFATTI LE UNGHIE di Maria Teresa de Carolis

Bendata e asciutta

Sotto le unghie il sangue

La sabbia sporcata

Degli assurdi sassi

Sminuzzati

E ricostruiti

La sabbia disgregata

Delle orme dei tuoi nonni

Il vento le forma

Le trasforma

Le spazza via

Ritorna

Colorale le tue unghie

Spezzate di vergogna

Non tua

Di chi ti guarda

Sprezzante e insulso

Dei tuoi sogni il rosso

Il verde e il viola

Le note interrotte

I suoni lontani

Nascosti dai fischi del treno

Arriva

Lima via quel colore scrostato

Rifatti le unghie

Angelo nero

Cancella il passato

Il profumo del mondo

Che scompare

Il tuo sogno

Che si ripete

La cura dei tuoi occhi

La vedi?

La stanza dai mille lampioni

I cuccioli piangono

E tu

Soccorri quel bozzolo

Annerito

Rifatti le unghie

Dai

Fata del sentiero

E del sotterraneo

Volo

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof