top of page
Cerca
  • Libereria

RIFATTI LE UNGHIE di Maria Teresa de Carolis

Bendata e asciutta

Sotto le unghie il sangue

La sabbia sporcata

Degli assurdi sassi

Sminuzzati

E ricostruiti

La sabbia disgregata

Delle orme dei tuoi nonni

Il vento le forma

Le trasforma

Le spazza via

Ritorna

Colorale le tue unghie

Spezzate di vergogna

Non tua

Di chi ti guarda

Sprezzante e insulso

Dei tuoi sogni il rosso

Il verde e il viola

Le note interrotte

I suoni lontani

Nascosti dai fischi del treno

Arriva

Lima via quel colore scrostato

Rifatti le unghie

Angelo nero

Cancella il passato

Il profumo del mondo

Che scompare

Il tuo sogno

Che si ripete

La cura dei tuoi occhi

La vedi?

La stanza dai mille lampioni

I cuccioli piangono

E tu

Soccorri quel bozzolo

Annerito

Rifatti le unghie

Dai

Fata del sentiero

E del sotterraneo

Volo

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page