Cerca
  • Libereria

RITROVAMENTI di Marta Bandi

Scorro le dita sullo scaffale 

nel mio spolverare quotidiano 

fra volumi che sanno di un remoto 

odoroso vissuto.

Scorgo libri scolastici che 

mi sono appartenuti, 

ora deposti,

ormai innocui.

Vecchie cartoline ammucchiate 

come strati di vita

piccoli dettagli di viaggi 

testimoni di deboli ricordi 

che riaffiorano.

Scorgo un diario

dimenticato in un angolo 

raggiunto dalla polvere.

Lo apro, riconosco la grafia.

Poche pagine scritte

pochi pensieri fissati sulla carta

una frase cattura la mia attenzione 

e mi soffermo a leggerla:

9 giugno 2005 

“Marta arriverà sabato con i bambini...

solo per qualche giorno... doloroso sarà il distacco.”

Una spada piena d’amore mi trafigge.

Sì, sarà doloroso babbo.

49 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof