Cerca
  • Libereria

RIVOLGITI AL TUO MEDICO di Valentino Picchi Hechìzo

Rivolgiti al tuo medico:

digli che hai visto te stessa

libera e nuda, camminare sui cocci

infranti di una stagione sconfitta e

vestita,

ridendo del tuo stesso sangue.

Rivolgiti al tuo medico:

digli che hai visto i tuoi figli

cavalcare le loro stesse anime

come lanciati contro gli schermi

di una nuova Apocalisse e

che li hai visti distruggere costruendo

una nuova Apocalisse.

Rivolgiti al tuo medico:

digli che hai visto un uomo

corteggiarti in eterno

con la spada dell'arte e una

rosa rossa in bocca, opponendosi

a un mondo che ti vorrebbe

pornografica e schiava: pronografica.

Rivolgiti al tuo medico e

gridagli in faccia

che hai cambiato medico e

che ora tu sei medicina per lui,

che il sistema di riferimento è cambiato

e lo hai cambiato tu.

31 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin