Cerca
  • Libereria

RIVOLGITI AL TUO MEDICO di Valentino Picchi Hechìzo

Rivolgiti al tuo medico:

digli che hai visto te stessa

libera e nuda, camminare sui cocci

infranti di una stagione sconfitta e

vestita,

ridendo del tuo stesso sangue.

Rivolgiti al tuo medico:

digli che hai visto i tuoi figli

cavalcare le loro stesse anime

come lanciati contro gli schermi

di una nuova Apocalisse e

che li hai visti distruggere costruendo

una nuova Apocalisse.

Rivolgiti al tuo medico:

digli che hai visto un uomo

corteggiarti in eterno

con la spada dell'arte e una

rosa rossa in bocca, opponendosi

a un mondo che ti vorrebbe

pornografica e schiava: pronografica.

Rivolgiti al tuo medico e

gridagli in faccia

che hai cambiato medico e

che ora tu sei medicina per lui,

che il sistema di riferimento è cambiato

e lo hai cambiato tu.

38 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS229 di Alessandro Mazzà

Perché ho in testa una canzone? Non è veramente nella mia testa mi sta dicendo cos’è una testa Cos’è una canzone? È la figlia e la madre della musica e non è una risposta e non è una risposta questa O

SENZA TITOLO di Jans Illusion

Nel mio mondo ormai artefatto Lei non appare mai e si naviga nel tormento.

IL VOLO DEI GABBIANI di Sandra Iai

Strappami dalle grinfie del mondo il volo dei gabbiani dice che hai la forza per farlo Solleva quest'involucro dalla cera che cola da questa pozza di sangue creata dal pensiero Afferra i miei polsi e