Cerca
  • Libereria

ROMANZO POPOLARE II di Valentino Picchi

Il traffico nei vetri

la guerra fuori casa

gli uffici ancora aperti,

tu diventavi madre;

gli aerei come mosche

i cinema un po' vuoti

cortei contro le favole

tu diventavi madre;

Dicembre senza freddo

ragazzi quasi uomini

file di curdi in fuga,

tu diventavi madre;

morivano i delfini

petrolio a buon mercato

alzavano trofei,

tu diventavi madre;

carta da parati

tuo padre bestemmiava

la radio non prendeva

tu diventavi madre.

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof