Cerca
  • Libereria

RUMORE DEL MONDO di Valentino Picchi Hechìzo

Mi disturba

il rumore del mondo

le mani inutili

che incombono

sulle mie danze sciamaniche.

La storia è vecchiume

che tace,

il passato una giovane malinconia

che ispira:

non cedo il marchio immemore

del forestiero,

non c'è prezzo per un'anima

se anche un diavolo ti vende la sua.

La mia solitudine

gravida di canzoni giace

sparsa fra le vostre ossa ma

ma ciò che mi spetta

di ossa e canzoni non è abbastanza:

per questo parlo, perché

lassù qualcuno mi ama

quaggiù qualcuno mi cerca,

così tra loro il mio tacere è

il silenzioso confine

di quell' attesa sensuale

fra il silenzio

e il rumore del mondo.

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin