Cerca
  • Libereria

RUMORE DEL MONDO di Valentino Picchi Hechìzo

Mi disturba

il rumore del mondo

le mani inutili

che incombono

sulle mie danze sciamaniche.

La storia è vecchiume

che tace,

il passato una giovane malinconia

che ispira:

non cedo il marchio immemore

del forestiero,

non c'è prezzo per un'anima

se anche un diavolo ti vende la sua.

La mia solitudine

gravida di canzoni giace

sparsa fra le vostre ossa ma

ma ciò che mi spetta

di ossa e canzoni non è abbastanza:

per questo parlo, perché

lassù qualcuno mi ama

quaggiù qualcuno mi cerca,

così tra loro il mio tacere è

il silenzioso confine

di quell' attesa sensuale

fra il silenzio

e il rumore del mondo.

21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st