Cerca
  • Libereria

SCRIVENDO di Lorena Giardino

Impressioni.

Afferrate, custodite... sedimentate.

Tra le dita una stilo argentata e se la lascio andare, frusciando lei va.

Ed io, che da sempre mi chiamo Incostanza,

di me del mio sentire

continuo a comporre mosaici fluttuanti.


Pensieri.

Sfuggenti, impalpabili... inafferrabili.

Si mescolano si rimescolano, saltellano e fan capriole

e poi parole, parole, parole... limpide, carezzevoli, tintinnanti...

sgorgano dalle mie mani

e volteggiando si posano sulla carta tremula

tessendo ragnatele di emozioni.


Fantasie.

Variopinte, effervescenti, trascinanti

si muovono, corrono e danzano sulla superficie frastagliata del mondo

fagocitano volti, situazioni, albe e tramonti,

lasciando nel mio ventre germogli di mondi.

Arretro ed avanzo, le cerco e le scanso ma poi prendo slancio e volando le inseguo

fiori variopinti esplodono dal mio sguardo.


Impressioni, pensieri, fantasie

ed io... scrivo.

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st