Cerca
  • Libereria

SE... di Alessandra Muzzini

Due lettere che, messe insieme, formano una minuscola “parola”, una congiunzione.

A quanti pensieri e riflessioni inevitabilmente ci riportano queste due lettere.

Se avessi fatto

Se avessi detto

Se fossi stata

Potremmo riempire fogli e fogli di ipotesi, opportunità non sfruttate, situazioni mal gestite.

Dolore, rammarico, tristezza, malinconia: sono tutte emozioni che accompagnano ciò che non è stato e poteva essere

Ciò che non è stato detto e probabilmente andava detto

Ma poi, per un attimo, mi fermo

“Ma sei così sicura che sarebbe stato meglio?”

“Quante cose sarebbero diverse ora se...”

Ma più passa il tempo e più mi convinco che siamo fatti per la vita che viviamo

Che questa è la strada giusta

Non sempre ci è chiara

Non sempre ci dà le soddisfazioni che meriteremmo

Non sempre ci conduce dove dovremmo essere o vorremmo trovarci

Ho deciso però che cercherò di fidarmi e di smettere di pensare a quelle miriadi di strade che, comunque, non ho percorso

Basta rimpianti

Basta rimorsi

Alzati e guardati

Segnata dal tempo e dagli avvenimenti

Dai dispiaceri e dalle gioie

Solo tu sei così

Perciò sii fiera di te stessa e lasciati guidare, condurre verso il domani

Se sarai ben disposta vedrai che tutto sarà più semplice

Tutto più chiaro

Guardati e sorridi alla vita

In fondo una carezza non ti è mai mancata

Credi, sogna, desidera, spera e lotta per tutto ciò in cui riponi fiducia

Guarda dall’altra parte dello specchio,

lei ti sorride fiduciosa:

“Ce la faremo, perché ce lo meritiamo”

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i