Cerca
  • Libereria

SGOMBRO DI ME di Franco Filice

Cammino tra la folla 

sgombro di me

beatamente estraneo  

a me stesso e agli altri.

Nel groviglio di passanti

auto strombazzanti

cocomeri rotolanti

venditori ambulanti

tristi e stanchi di urlare.


I miei silenzi lontani

apparentemente immersi

senza esserci

nell'arravoglio urbano

inghiottiti dai suoni più svariati:

beep, sdong, bau bau

slam, clang, click

crash, miao, ploff, smack

splash, vroom, skreech, drin drin... 


Nella mia napolitudine continuo a dribblare mercanzie di cui ignoro l'utilità.

Spalanco gli occhi agli affreschi

di una chiesetta appena scoperta solletico il palato con gusti che

la sinuosa città sul Golfo

dispensa generosa.

17 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria