Cerca
  • Libereria

SGOMBRO DI ME di Franco Filice

Cammino tra la folla 

sgombro di me

beatamente estraneo  

a me stesso e agli altri.

Nel groviglio di passanti

auto strombazzanti

cocomeri rotolanti

venditori ambulanti

tristi e stanchi di urlare.


I miei silenzi lontani

apparentemente immersi

senza esserci

nell'arravoglio urbano

inghiottiti dai suoni più svariati:

beep, sdong, bau bau

slam, clang, click

crash, miao, ploff, smack

splash, vroom, skreech, drin drin... 


Nella mia napolitudine continuo a dribblare mercanzie di cui ignoro l'utilità.

Spalanco gli occhi agli affreschi

di una chiesetta appena scoperta solletico il palato con gusti che

la sinuosa città sul Golfo

dispensa generosa.

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st