Cerca
  • Libereria

SGOMBRO DI ME di Franco Filice

Cammino tra la folla 

sgombro di me

beatamente estraneo  

a me stesso e agli altri.

Nel groviglio di passanti

auto strombazzanti

cocomeri rotolanti

venditori ambulanti

tristi e stanchi di urlare.


I miei silenzi lontani

apparentemente immersi

senza esserci

nell'arravoglio urbano

inghiottiti dai suoni più svariati:

beep, sdong, bau bau

slam, clang, click

crash, miao, ploff, smack

splash, vroom, skreech, drin drin... 


Nella mia napolitudine continuo a dribblare mercanzie di cui ignoro l'utilità.

Spalanco gli occhi agli affreschi

di una chiesetta appena scoperta solletico il palato con gusti che

la sinuosa città sul Golfo

dispensa generosa.

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone. Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte. Sono stato l'amore. Per diventare il suo sangue, la s

NVS208 di Alessandro Mazzà

Cosa scrivo? Il poema dell’inesistenza dello spazio e del tempo e del loro fare un bel male Tutto intero il libro del mondo nel piccolo mio capitolo del libro del mondo Che sono un uomo che vuol dire

IL GESTO DELL'ABBRACCIO di Sandra Iai

Il libro fa il gesto dell'abbraccio prendendo i tuoi pensieri li custodisce nel segreto delle sue pagine chi vorrà muovere i suoi passi chi si soffermerà al suo interno avrà preso la decisione di entr