Cerca
  • Libereria

SILENTI NOTE di Majlinda Petraj

Suonare all'unisono

con il lamentar adagio del pianoforte.

Il mio cuore teneva

lo scandir del tempo,

leggendo una partitura ingiallita

da tempo sofferente di solitudine

dentro il cassettino centrale

della scrivania in legno di ciliegio.

M'è grande, infinitamente grande,

il vuoto che ulula irrequieto

questa melodia è giunta alla fine.

Rimane l'eco

dolce sussurro flebile

un Sentire perpetuo

che fa di me

una corda che vibra

un tasto che echeggia

perché la musica non va,

ti vive dentro.

47 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS229 di Alessandro Mazzà

Perché ho in testa una canzone? Non è veramente nella mia testa mi sta dicendo cos’è una testa Cos’è una canzone? È la figlia e la madre della musica e non è una risposta e non è una risposta questa O

SENZA TITOLO di Jans Illusion

Nel mio mondo ormai artefatto Lei non appare mai e si naviga nel tormento.

IL VOLO DEI GABBIANI di Sandra Iai

Strappami dalle grinfie del mondo il volo dei gabbiani dice che hai la forza per farlo Solleva quest'involucro dalla cera che cola da questa pozza di sangue creata dal pensiero Afferra i miei polsi e