Cerca
  • Libereria

SILENTI NOTE di Majlinda Petraj

Suonare all'unisono

con il lamentar adagio del pianoforte.

Il mio cuore teneva

lo scandir del tempo,

leggendo una partitura ingiallita

da tempo sofferente di solitudine

dentro il cassettino centrale

della scrivania in legno di ciliegio.

M'è grande, infinitamente grande,

il vuoto che ulula irrequieto

questa melodia è giunta alla fine.

Rimane l'eco

dolce sussurro flebile

un Sentire perpetuo

che fa di me

una corda che vibra

un tasto che echeggia

perché la musica non va,

ti vive dentro.

46 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

DA "IL GRANELLA E I PICCIRILLI" di Sebastiano Privitera

(riduzione e adattamento di una novella di L. Pirandello) … Tinino: -(falsamente umile) Perdoni, signor avvocato... mi potrebbe spiegare come si formano le nuvole? Zummo - (c.s.) Come si formano le nu

VRAD=G'AN di Gianluca Sonnessa

Abbiamo sbloccato lucchetti usando la stessa chiave Per scoprire che non c'erano porte chiuse, anzi, non esistevano le porte o lucchetti. Ma esistono le chiavi. Le briciole si sono trasformate in Doma

NVS201 di Alessandro Mazzà

Prepara l’esperienza che non te ne aggiungerà mettici l’accoglienza e la paura cosmica della novità mettici il lievito sbagliato salutare della partecipazione mettici la passione che ti sporca la pass