Cerca
  • Libereria

SONO QUELLO CHE SONO di Maria Teresa De Carolis

Testa sul muro

Sono quello che sono

Posso colpirla mille volte

Non uscirà quel pensiero

Sono quello che sono

Sono grilli che cantano

Storie di mostri

Ragni scappati

Sono pioggia

Fango, finestra chiusa

Porta sbattuta

Sono quello che sono

Rapita, angosciata

Spaventata

Sono fiume, montagna

Sono ramo piegato

Soffio di schiuma

Troppo dolore

Sono scappata

Sono restata

Nel regno dei cocci

Incollati con l’acqua

Scorrono via

I cocci

Sono festa

Sono partita

Nel buco di un sogno

Ferma scruto

La crepa

Sono sparita

21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

I tuoi capelli che scendono a croce decidono il confine cancellabile fingendo contro altezze steccati disegnati mentre tutta in moto acceso mi avverti in basso con la curva di due scalini che invadono

Ma non guardarti è sprecare un buon tempo come non poter raggiungere il mare arrendersi alle dune se le palpebre abbandonano i sogni Ma non ascoltarti toglie ogni senso a questo viaggio con le ruote c

Dimoro tra pigne di vestiti consumati. Ostaggio del colore del vuoto e del profumo rimasto tra le fibre. Non vorrei donare a questi involucri la fragilità del mio corpo. Non vorrei fasciarmi in doni p