Cerca
  • Libereria

SOTTO IL MIO PORTONE di Alessandra Muzzini

Ed ecco,

ti ritrovo qui, sotto il mio portone.

Ormai fai parte della quotidianità e non ti considero strano o diverso, anzi ogni volta che ti guardo non posso fare a meno di pensare a chi realmente sei, chi eri, cosa avevi o non avevi accanto a te, cosa ti ha portato a tutto questo e cosa ti manca ora.

Vedo come ti guardano: la maggioranza con disprezzo e ribrezzo, quasi odio.

Altri con timore e sospetto.

Alcuni, anche se veramente pochi, con pena e pietà.

Ma i peggiori credo siano quelli che non ti vedono affatto!

Trasandato, spettinato ma mai solo: anche se non vediamo nessuno tu parli sempre con qualcuno e a volte ci discuti anche animatamente.

Ma la cosa che mi incuriosisce di più è il tuo portare sempre con te un foglio bianco e una penna bic. Nera.

Mi sono fermata più volte ad osservare cosa scrivessi: sembrano formule matematiche, scientifiche o chissà magari una lingua sconosciuta fatta di segni e forme.

Anche se puoi sembrare così tanto distante da me, io sento che sei un’anima speciale.

Che se ci penso bene: cosa mi fa essere alla fine tanto diversa da te? Forse mi appartiene un cammino e un destino differente soltanto perché sono stata meno sfortunata e meno disperata.

Vorrei aiutarti in qualche modo, ma sembra che a te non serva nulla se non il tuo gradino dove dormire e i tuoi fogli sui quali scrivere…

…e quel mio sorriso a cui rispondi con uno sguardo dolce e senza tempo.

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st