Cerca
  • Libereria

SPARTIMONDO di Majlinda Petraj

Se non hai sofferto il deserto

non puoi sapere. 

Arsa la speranza

e disseccato l'orizzonte,

la gola graffiata

a mandar giù parole non dette.

Gli occhi, 

piccoli specchi verso l'infinito

dove si riflette

un pianto inespresso.

Il vuoto, 

vaga perso nel tuo petto

in cerca del vento

e del suo abbraccio di respiri. 

Trovarsi in un bivio

perdendo terra e cielo

in questo spazio-amico di mezzo, 

trovare dimora. 

Tutto si fa piccolo dentro di te

perdendo dimensioni 

come l'immensità delle stelle 

che alla terra non giunge. 

Conservi la gioia

in barattoli fragili e trasparenti di cristallo 

così da poter guardare attraverso 

i due mondi

di cui sei fatta. 

A vegliare, 

sul mio viaggiare interminabile 

a piedi nudi

e screpolature d'anima 

dalle aperture alari fiabesche

si mette tra Me 

e tutto il Mondo

La Poesia. 

44 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin