Cerca
  • Libereria

SPECCHIO di Majlinda Petraj

Poso a terra il carico

di fango, sassi e vestiti da cerimonia

e mi siedo al centro di Me

aspettando.

La 'bambina' titubante

dondolando sui suoi passi

s'avvicina, si siede di fronte.

Ci guardiamo.

Guarda alcune parti del mio corpo

che a lei non sono ancora cresciute.

Io guardo le sue parti del cuore

ancora intatte.

Meravigliate entrambe.

Lei sogna Me e Io sogno Lei.

Non ci siamo mai lasciate

in perenne ricerca di trovarci.

Ci unisce la stessa materia,

ci dividono le epoche.

La prendo per mano

dopo lunghi discorsi di sguardi.

Sentiamo i battiti

in un interminabile abbraccio.

Vorremmo rimanere unite

oltre la cucitura che non possiamo nascondere.

Mi riprendo il carico

lo sistemo sulle spalle

e mi curvo,

non per resa

ma per donarti

un fiore.

54 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin