Cerca
  • Libereria

SPECCHIO di Majlinda Petraj

Poso a terra il carico

di fango, sassi e vestiti da cerimonia

e mi siedo al centro di Me

aspettando.

La 'bambina' titubante

dondolando sui suoi passi

s'avvicina, si siede di fronte.

Ci guardiamo.

Guarda alcune parti del mio corpo

che a lei non sono ancora cresciute.

Io guardo le sue parti del cuore

ancora intatte.

Meravigliate entrambe.

Lei sogna Me e Io sogno Lei.

Non ci siamo mai lasciate

in perenne ricerca di trovarci.

Ci unisce la stessa materia,

ci dividono le epoche.

La prendo per mano

dopo lunghi discorsi di sguardi.

Sentiamo i battiti

in un interminabile abbraccio.

Vorremmo rimanere unite

oltre la cucitura che non possiamo nascondere.

Mi riprendo il carico

lo sistemo sulle spalle

e mi curvo,

non per resa

ma per donarti

un fiore.

54 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS229 di Alessandro Mazzà

Perché ho in testa una canzone? Non è veramente nella mia testa mi sta dicendo cos’è una testa Cos’è una canzone? È la figlia e la madre della musica e non è una risposta e non è una risposta questa O

SENZA TITOLO di Jans Illusion

Nel mio mondo ormai artefatto Lei non appare mai e si naviga nel tormento.

IL VOLO DEI GABBIANI di Sandra Iai

Strappami dalle grinfie del mondo il volo dei gabbiani dice che hai la forza per farlo Solleva quest'involucro dalla cera che cola da questa pozza di sangue creata dal pensiero Afferra i miei polsi e