Cerca
  • Libereria

SPECCHIO di Majlinda Petraj

Poso a terra il carico

di fango, sassi e vestiti da cerimonia

e mi siedo al centro di Me

aspettando.

La 'bambina' titubante

dondolando sui suoi passi

s'avvicina, si siede di fronte.

Ci guardiamo.

Guarda alcune parti del mio corpo

che a lei non sono ancora cresciute.

Io guardo le sue parti del cuore

ancora intatte.

Meravigliate entrambe.

Lei sogna Me e Io sogno Lei.

Non ci siamo mai lasciate

in perenne ricerca di trovarci.

Ci unisce la stessa materia,

ci dividono le epoche.

La prendo per mano

dopo lunghi discorsi di sguardi.

Sentiamo i battiti

in un interminabile abbraccio.

Vorremmo rimanere unite

oltre la cucitura che non possiamo nascondere.

Mi riprendo il carico

lo sistemo sulle spalle

e mi curvo,

non per resa

ma per donarti

un fiore.

54 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof