Cerca
  • Libereria

SUPERSTITE di Marco Domenico Grastolla

Il suo arco divenne arpa

quel giorno

e per tutta la valle risuonò

la melodia sibilante

della morte.


Le sue frecce

dalla lingua di serpente

viaggiavano ineluttabili nell'aria,

reclamando la nota ultima

della loro esistenza.


Tra un battito e l'altro

del mio cuore,

lo so,

pungerà il suo canto;


e son già grato

del tempo concessomi

dagli Dèi per scrivere

questa lode al mio

futuro assassino.

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS229 di Alessandro Mazzà

Perché ho in testa una canzone? Non è veramente nella mia testa mi sta dicendo cos’è una testa Cos’è una canzone? È la figlia e la madre della musica e non è una risposta e non è una risposta questa O

SENZA TITOLO di Jans Illusion

Nel mio mondo ormai artefatto Lei non appare mai e si naviga nel tormento.

IL VOLO DEI GABBIANI di Sandra Iai

Strappami dalle grinfie del mondo il volo dei gabbiani dice che hai la forza per farlo Solleva quest'involucro dalla cera che cola da questa pozza di sangue creata dal pensiero Afferra i miei polsi e