Cerca
  • Libereria

SUPERSTITE di Marco Domenico Grastolla

Il suo arco divenne arpa

quel giorno

e per tutta la valle risuonò

la melodia sibilante

della morte.


Le sue frecce

dalla lingua di serpente

viaggiavano ineluttabili nell'aria,

reclamando la nota ultima

della loro esistenza.


Tra un battito e l'altro

del mio cuore,

lo so,

pungerà il suo canto;


e son già grato

del tempo concessomi

dagli Dèi per scrivere

questa lode al mio

futuro assassino.

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin