Cerca
  • Libereria

SUPERSTITE di Marco Domenico Grastolla

Il suo arco divenne arpa

quel giorno

e per tutta la valle risuonò

la melodia sibilante

della morte.


Le sue frecce

dalla lingua di serpente

viaggiavano ineluttabili nell'aria,

reclamando la nota ultima

della loro esistenza.


Tra un battito e l'altro

del mio cuore,

lo so,

pungerà il suo canto;


e son già grato

del tempo concessomi

dagli Dèi per scrivere

questa lode al mio

futuro assassino.

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof