Cerca
  • Libereria

TRE PIATTI E UN SUPER TELE di Gianluca Sonnessa

Briciole, non posso lasciarti nient'altro.

Ho troppa fame.

La penna che abbraccio con due dita è cenere sdraiata sulla porcellana.

Le ringhiere tagliano l'orizzonte, l'orizzonte è un cortile quaranta metri più in là.

Il Super Tele sfida il sole, un piede vecchio dieci anni lo calcia in alto.

Per un attimo è l'eclissi, poi il pallone ricade, rimbalza, ma lo stesso piede di dieci anni e qualche secondo ci riprova.

La porta aperta, i suoi capelli neri e lunghi, il suono della minestra di patate cipolle e carote cade nel piatto.

Dopo torno, ma ora devo andare.

Dall'altra parte del mondo la parte di mondo che non conosco sta gonfiando accumulatori.

I capelli corti e neri, tuta blu, minestra di patate carote e cipolle per pranzo.

Il baracchino nello scaldavivande brontola, il suo stomaco pure, la sirena non ha suonato, non può ancora mangiare.

Buona la minestra.

Devo andare a controllare, chissà, il Super Tele potrebbe vincere di nuovo.

Mi guarda mentre lava i piatti e dice che devo lavare le mani e la bocca, è ora di riposare.

Non voglio adesso, dopo, non sono stanco.

Va a lavarsi le mani, il grasso scende nel lavandino, può mangiare, la sirena ha suonato.

Vorrebbe riposare.

Adesso no, forse dopo.

Sogno il Super Tele.

Lava i piatti, precarica le sacche da venticinque litri, spolvera la credenza, prepara il bancale, è stanca, è stanco.

Io sogno il sole le ringhiere e il Super Tele.

Briciole, non posso lasciarti nient'altro.

Ho troppa fame.

Vorrei raccontarti tutto, davvero, ma ho fame.

Una fame vecchia come i bambini che non smettono di ricordare.

E vorrei finire di raccontartelo questo ricordo, davvero.

Ma voglio ti resti la fame.

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin