Cerca
  • Libereria

UN DELFINO di Matteo Gentili

Nell'oceano nuoto

Vivendo in branchi

E con gli altri mi sposto

In questa distesa d'acqua

La paura se ne va

Insieme a tutte le navi

La paura ha ragioni

La natura invece no

E la natura ci salva

Da un pericolo reale

L'uomo che comanda

Ma in realtà, subisce

Ed io, condannato all'estinzione

A non poter più vivere

Per i vostri spostamenti

Per la vostra inadeguatezza

Ed io, ora torno a nuotare

Perché non ci sono più navi

Perché non ci sono più detriti

Perché non c'è più petrolio da buttare

Ed io, piccolo ed intelligente

Delfino, mammifero che nuota

Sono simile a voi

Eppure così diverso

Ed io, piccolo delfino

Accolgo questo momento

Perché è solo l'inizio

L'inizio del mio ritorno

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin