Cerca
  • Libereria

UN DELFINO di Matteo Gentili

Nell'oceano nuoto

Vivendo in branchi

E con gli altri mi sposto

In questa distesa d'acqua

La paura se ne va

Insieme a tutte le navi

La paura ha ragioni

La natura invece no

E la natura ci salva

Da un pericolo reale

L'uomo che comanda

Ma in realtà, subisce

Ed io, condannato all'estinzione

A non poter più vivere

Per i vostri spostamenti

Per la vostra inadeguatezza

Ed io, ora torno a nuotare

Perché non ci sono più navi

Perché non ci sono più detriti

Perché non c'è più petrolio da buttare

Ed io, piccolo ed intelligente

Delfino, mammifero che nuota

Sono simile a voi

Eppure così diverso

Ed io, piccolo delfino

Accolgo questo momento

Perché è solo l'inizio

L'inizio del mio ritorno

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS195 di Alessandro Mazzà

La seria entità convenzionalmente individuabile nella particella complessa d’energia mutevole per uno dei suoi più noti transiti denominata A.M. ha lasciato meno faticosamente di quanto appare il corp

ORATIO di Sandra Iai

Chi mi restituirà quest'attimo unico irripetibile che sta fuggendo via? Mentre scrivo preziosi istanti come acqua limpida scivolano tra le mie dita E quando il mio sguardo è puntato al domani e gli oc

SPECCHIO di Majlinda Petraj

Poso a terra il carico di fango, sassi e vestiti da cerimonia e mi siedo al centro di Me aspettando. La 'bambina' titubante dondolando sui suoi passi s'avvicina, si siede di fronte. Ci guardiamo. Guar

© 2017 Libereria