Cerca
  • Libereria

UN DELFINO di Matteo Gentili

Nell'oceano nuoto

Vivendo in branchi

E con gli altri mi sposto

In questa distesa d'acqua

La paura se ne va

Insieme a tutte le navi

La paura ha ragioni

La natura invece no

E la natura ci salva

Da un pericolo reale

L'uomo che comanda

Ma in realtà, subisce

Ed io, condannato all'estinzione

A non poter più vivere

Per i vostri spostamenti

Per la vostra inadeguatezza

Ed io, ora torno a nuotare

Perché non ci sono più navi

Perché non ci sono più detriti

Perché non c'è più petrolio da buttare

Ed io, piccolo ed intelligente

Delfino, mammifero che nuota

Sono simile a voi

Eppure così diverso

Ed io, piccolo delfino

Accolgo questo momento

Perché è solo l'inizio

L'inizio del mio ritorno

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof