Cerca
  • Libereria

UN DELFINO di Matteo Gentili

Nell'oceano nuoto

Vivendo in branchi

E con gli altri mi sposto

In questa distesa d'acqua

La paura se ne va

Insieme a tutte le navi

La paura ha ragioni

La natura invece no

E la natura ci salva

Da un pericolo reale

L'uomo che comanda

Ma in realtà, subisce

Ed io, condannato all'estinzione

A non poter più vivere

Per i vostri spostamenti

Per la vostra inadeguatezza

Ed io, ora torno a nuotare

Perché non ci sono più navi

Perché non ci sono più detriti

Perché non c'è più petrolio da buttare

Ed io, piccolo ed intelligente

Delfino, mammifero che nuota

Sono simile a voi

Eppure così diverso

Ed io, piccolo delfino

Accolgo questo momento

Perché è solo l'inizio

L'inizio del mio ritorno

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i