Cerca
  • Libereria

UN MONDO DI PANNA E CIOCCOLATO di Majlinda Petraj

Voglio entrare in te

come bambina

perché gli adulti

con mani sporche

hanno lasciato segni sulle pareti.

Con mani distratte

hanno graffiato la vernice

dove avevi dipinto il Sole.

Voglio invitarti a giocare

perché, le troppe ore senza

ti stancano di più.

Voglio mangiare un gelato per due

due gusti, io panna, tu cioccolato,

per farti capire che nella diversità

ho trovato la dolcezza

e nella similitudine, l'amore.

Voglio entrare bambina

per non fingere di essere grande

per posare un attimo la ragione

mi pesa,

sempre con questo senso di gravità.

Voglio godermi la pazzia di essere invincibile.

Di poterti far ridere

di poterti far fare un salto nel mio cuore

e vederti costruire un castello,

decidere di abbandonare il fuori

per stare dentro con me,

dentro una favola.

Dove il Sole non tramonta.

22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin