Cerca
  • Libereria

UN MONDO DI PANNA E CIOCCOLATO di Majlinda Petraj

Voglio entrare in te

come bambina

perché gli adulti

con mani sporche

hanno lasciato segni sulle pareti.

Con mani distratte

hanno graffiato la vernice

dove avevi dipinto il Sole.

Voglio invitarti a giocare

perché, le troppe ore senza

ti stancano di più.

Voglio mangiare un gelato per due

due gusti, io panna, tu cioccolato,

per farti capire che nella diversità

ho trovato la dolcezza

e nella similitudine, l'amore.

Voglio entrare bambina

per non fingere di essere grande

per posare un attimo la ragione

mi pesa,

sempre con questo senso di gravità.

Voglio godermi la pazzia di essere invincibile.

Di poterti far ridere

di poterti far fare un salto nel mio cuore

e vederti costruire un castello,

decidere di abbandonare il fuori

per stare dentro con me,

dentro una favola.

Dove il Sole non tramonta.

27 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof