Cerca
  • Libereria

UN VINILE, UN FRATELLO di Giovanni Barco

Lo stereo è un po’ vecchiotto, ma è quello che ti ha accompagnato durante gli anni

adolescenziali. Non vedi l’ora di vederlo al lavoro. Il vinile esce facilmente dalla sua

bustina, mentre tu lo afferri col pollice al centro, cercando di toccarne solo i bordi per

non rovinare quella che consideri la tua reliquia. Appoggi delicatamente il disco sul

piatto, prima di dargli il via per i suoi trentatré giri. Il tempo che serve per farlo

partire e poggiare la puntina di diamante sui solchi. Ed è qui che scatta la magia: la

magia di quelli che ti hanno capito più di tutti. Quella magia che chiami musica. E

che ti fa viaggiare nei ricordi.

23 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

I tuoi capelli che scendono a croce decidono il confine cancellabile fingendo contro altezze steccati disegnati mentre tutta in moto acceso mi avverti in basso con la curva di due scalini che invadono

Ma non guardarti è sprecare un buon tempo come non poter raggiungere il mare arrendersi alle dune se le palpebre abbandonano i sogni Ma non ascoltarti toglie ogni senso a questo viaggio con le ruote c

Dimoro tra pigne di vestiti consumati. Ostaggio del colore del vuoto e del profumo rimasto tra le fibre. Non vorrei donare a questi involucri la fragilità del mio corpo. Non vorrei fasciarmi in doni p