Cerca
  • Libereria

UN VINILE, UN FRATELLO di Giovanni Barco

Lo stereo è un po’ vecchiotto, ma è quello che ti ha accompagnato durante gli anni

adolescenziali. Non vedi l’ora di vederlo al lavoro. Il vinile esce facilmente dalla sua

bustina, mentre tu lo afferri col pollice al centro, cercando di toccarne solo i bordi per

non rovinare quella che consideri la tua reliquia. Appoggi delicatamente il disco sul

piatto, prima di dargli il via per i suoi trentatré giri. Il tempo che serve per farlo

partire e poggiare la puntina di diamante sui solchi. Ed è qui che scatta la magia: la

magia di quelli che ti hanno capito più di tutti. Quella magia che chiami musica. E

che ti fa viaggiare nei ricordi.

25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st