Cerca
  • Libereria

UN VINILE, UN FRATELLO di Giovanni Barco

Lo stereo è un po’ vecchiotto, ma è quello che ti ha accompagnato durante gli anni

adolescenziali. Non vedi l’ora di vederlo al lavoro. Il vinile esce facilmente dalla sua

bustina, mentre tu lo afferri col pollice al centro, cercando di toccarne solo i bordi per

non rovinare quella che consideri la tua reliquia. Appoggi delicatamente il disco sul

piatto, prima di dargli il via per i suoi trentatré giri. Il tempo che serve per farlo

partire e poggiare la puntina di diamante sui solchi. Ed è qui che scatta la magia: la

magia di quelli che ti hanno capito più di tutti. Quella magia che chiami musica. E

che ti fa viaggiare nei ricordi.

21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo