Cerca
  • Libereria

UNA MORTE CAMBIÒ LA MIA VITA di Gianluca Sonnessa

Non so chi sono perché non conosco sbarre.

Essere la scelta che mai chiamerò definitiva è un singolo passo che diventa cammino.

Non mi basto mai, piango, senza vergogna, rido, senza ritegno, ti aspetto, mentre sei qui.

Al malato lascio la guarigione ritenuta necessaria, al ricco la seta dei vestiti cui ha dato il compito di parlare per lui, al profeta le verità che si racconta, allo schiavo la sua bandiera.

Sono scalzo su questa strada, una nuova spiga di grano aspetta le mie dita.

Nel maggese dello spirito ti ho scritto nuove lettere, leggi le foglie, tra le nervature ho nascosto i nostri segreti.

Il futuro è passato saltando una fermata.

Noi ci baciavamo mentre l'orologio osservava la scena, in quel momento capì di essere inutile, perché il tempo che lui voleva imprigionare si dissolveva sull'unirsi delle nostre labbra.

L'amore è una salvezza, per manifestarsi ha bisogno della morte.

Non ho avuto paura di morire, sapevo che il primo nuovo respiro avrebbe portato alla voce il tuo nome.

34 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof