Cerca
  • Libereria

VERSO IL PUNTO ETERNO di Marco Domenico Grastolla

Si potrebbe dare un calcio

All'uroboro, colpirlo

Tra muso e coda e

Staccarlo dalla sua cantilena.

Tutto uguale, tutto lo stesso.

Anche la mia stanchezza è

Stanca, già vista;

Come pioggia annoiata

Cade sempre nello stesso periodo.

Vi vedo pallidi a ripercorrere

In circolo le vostre bassezze,

Con un sorriso da manichino

Senza occhi né vigore.

Come riuscite a muovervi tanto e rimanere sempre lì?

E come riesco io a scrivere e

Andare in ogni dove?

Avete ancora domande che non siano già state affrontate?

Si potrebbe dare un calcio alle vecchie domande, ai vecchi manichini e ai vecchi serpenti che si mordono la coda,

Che a furia di mordere il cerchio stringe.

Tutto ritorna più presto a fare il giro,

Tutte le mie parole si affrettano ad

Attaccarvi ancora e ancora,

Tutto si stringerà in un punto.

Massima stasi,

Automi autoinghiottiti,

Digestione di se stessi

In un ultimo grande scarto umano.

Qualcuno da fuori deve intervenire,

Un calcio deve arrivare...

Da Dio o da un Poeta.

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin