Cerca
  • Libereria

VITA di Alessandra Muzzini

Mi sento stanca,

svuotata,

come un fiore che sta appassendo lentamente,

ma inesorabilmente.

Sto perdendo i miei colori,

la luminosità,

la brillantezza,

quella morbida sensazione al tocco.

Mi sto seccando,

sto morendo,

nonostante il Sole cerchi di illuminarmi e l’acqua cerchi di bagnarmi.

Sembra tutto inutile.

Solo una questione di tempo.

So bene, però, che le mie radici sono forti e ben piantate nel terreno della vita

e ancora molti occhi hanno bisogno di guardarmi fiorire,

di sentire il mio profumo.

Allora, cerco di succhiare questa linfa con tutte le poche forze rimaste e,

con pazienza e costanza,

tiro di nuovo su il capo, ormai chino.

La bellezza del mio animo non può spegnersi e scomparire.

Non deve.

Vita,

Sono tua.

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo