Cerca
  • Libereria

VITE SOTTILI di Isa D'Angelo

"Da quando vieni qui

non hai sorriso mai",

mi dice lei

col suo camice bianco.


Ma cosa ne sa lei.

Come si può sorridere

di fronte a tanta fragilità

che ci circonda e ci confonde.

Fragilità dentro,

fragilità fuori.

Corpi gracili,

vite sottili,

impigliate

in un volo senza ali

che fa precipitare

in abissi senza fine,

senza desideri e prospettive.

Un viaggio a ritroso

fino a svanire

in una trasparenza che lascia nell'impotenza.


Che ne sa lei dei miei sorrisi

quelli che solo tu conosci.

Quelli che restano ancora un po'

quando vai via

e quelli che attendono te

per tornare a rifiorire.


E allora diglielo tu

che io sorrido.

Diglielo tu che so essere felice

con te

quando mi risollevi dall'abisso

dove anch'io spesso finisco

e mi conduci per mano

in luoghi meravigliosi.


È lì che conosco la vera leggerezza,

quella dei pensieri.

Ed è a voi, anime fragili,

che la vorrei donare

insieme a delle ali

per poter volare.

57 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i