Cerca
  • Libereria

VITE SOTTILI di Isa D'Angelo

"Da quando vieni qui

non hai sorriso mai",

mi dice lei

col suo camice bianco.


Ma cosa ne sa lei.

Come si può sorridere

di fronte a tanta fragilità

che ci circonda e ci confonde.

Fragilità dentro,

fragilità fuori.

Corpi gracili,

vite sottili,

impigliate

in un volo senza ali

che fa precipitare

in abissi senza fine,

senza desideri e prospettive.

Un viaggio a ritroso

fino a svanire

in una trasparenza che lascia nell'impotenza.


Che ne sa lei dei miei sorrisi

quelli che solo tu conosci.

Quelli che restano ancora un po'

quando vai via

e quelli che attendono te

per tornare a rifiorire.


E allora diglielo tu

che io sorrido.

Diglielo tu che so essere felice

con te

quando mi risollevi dall'abisso

dove anch'io spesso finisco

e mi conduci per mano

in luoghi meravigliosi.


È lì che conosco la vera leggerezza,

quella dei pensieri.

Ed è a voi, anime fragili,

che la vorrei donare

insieme a delle ali

per poter volare.

56 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin