Cerca
  • Libereria

VIVI di Isa D'Angelo

Non ti ho conosciuto

non ho fatto in tempo

non perché io sia arrivata tardi

ma perché tu sei andato via troppo presto

Lo hai voluto tu

Hai deciso che ventun anni

fossero abbastanza

per capire il valore del restare

e quello dell'andare

E sei andato

Ma hai lasciato tanto qui

Mi hai lasciato l'amore delle persone

che ti hanno amato prima di amare anche me

Un amore grande

una coperta calda

rifugio sicuro

nelle gelide notti d'inverno

E a te la stessa coperta non è bastata

Mi hai lasciato questo paese

queste vie che ho calpestato dopo di te

questa gente che poi ti ha continuato

a cercare nel mio sguardo

queste mura dove ogni giorno

ho respirato la tua presenza

Il tuo viso in quella cornice

i tuoi occhi

di cui ho immaginato il colore

il tuo sorriso triste

ad ogni risveglio e ad ogni tramonto

mi hanno detto

Vivi

Tendi sempre una mano alla vita

Abbracciala

dalle una possibilità

anzi più di una

Non avere paura di perderti

perché spesso ci si perde

cercando se stessi

Abbi coraggio di amarla

perché sì, ci vuole coraggio

Spesso è in salita

ma tu sali

perché poi si arriva in cima

e lì potrai godere dello spettacolo.

E io ti ho ascoltato

sto salendo

con uno zaino troppo pesante sulle spalle

A volte mi mancano le forze

ma continuo

perché ci credo davvero

che prima o poi si aprirà il sipario

e vedrò la meraviglia della mia vita

nei tuoi occhi.

71 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS195 di Alessandro Mazzà

La seria entità convenzionalmente individuabile nella particella complessa d’energia mutevole per uno dei suoi più noti transiti denominata A.M. ha lasciato meno faticosamente di quanto appare il corp

ORATIO di Sandra Iai

Chi mi restituirà quest'attimo unico irripetibile che sta fuggendo via? Mentre scrivo preziosi istanti come acqua limpida scivolano tra le mie dita E quando il mio sguardo è puntato al domani e gli oc

SPECCHIO di Majlinda Petraj

Poso a terra il carico di fango, sassi e vestiti da cerimonia e mi siedo al centro di Me aspettando. La 'bambina' titubante dondolando sui suoi passi s'avvicina, si siede di fronte. Ci guardiamo. Guar

© 2017 Libereria