Cerca
  • Libereria

VOLGARE È CHI NON TI FA VOLARE di Carmen Sabato

Ti diranno di non cantare perché sei stonata

ma non conoscono le note che porti dentro

Ti diranno di non parlare perché sempre fuori luogo

e non conoscono però quel luogo

Ti diranno di controllare i tuoi pensieri

Di non osservare il panorama dalla finestra

Di non provare a guardare il sole

perché sai, nessuno riesce a guardarlo

Di non salire sull'albero

Di indossare bene la camicia

Di sacrificarti per poter poi morire da eroe

Di non cambiare nulla di quel che:

"si è sempre fatto così"

Di non sorridere troppo

Di essere al passo con le lamentele

Di mostrare i tuoi impegni

Di osservare il dramma ed in fine di sparire con esso.


Di questa compostezza me ne sbatto altamente perché conosco il fuori luogo e credimi che sei impantanato nella parte brutta dell'illusione.

Se vuoi che indossi la camicia

me la devi mettere Se vuoi che la mia bocca smetta di sorridere

me la devi chiudere Se vuoi che non osservi il panorama dalla finestra devi prima costruire i muri e poi la finestra Se vuoi che i miei pensieri siano controllati devi smetterla di provocarli con questa razionalità da quattro soldi Se vuoi che non osservi il sole devi cavarmi gli occhi Del fil di ferro non si cura il vento Per un fiore capovolto il terreno è il firmamento.

35 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo