Cerca
  • Libereria

WHITE BELL di Marco Zanni

Camminiamo scalzi sull'asfalto di Roma Giochiamo una domanda a testa verso il fondo dove possiamo accarezzarci cicatrici Calpestare rami vetri rotti spine rischiare Dal Colosseo a viale Glorioso su per il Gianicolo La strada spaccata dalle radici dei platani La tua mano dietro la testa quando ci siamo dati i baci sulla guancia E speravo di sbagliare ad appoggiare le mie labbra fermarmi a piazza Garibaldi con te addosso Roma che ci fissa da là sotto Sliding doors quale futuro avrebbe atteso Il cappellaio matto il sogno americano Suona la campana mezzanotte e devi dirmi addio Canticchio frasi per te che evaporano come incenso Ci sfioriamo con le tasche piene di terra e dollari d'argento Tracce nella polvere rotoliamo come dadi sul fondo della strada La piazzetta il campanile il mio cuore storto I tuoi capelli che brillano tra le mie dita La campana bianca l'ultimo rintocco appeso a un cappio. Mezzanotte e non riusciamo a dirci addio.

116 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin