Cerca
  • Libereria

WHITE BELL di Marco Zanni

Camminiamo scalzi sull'asfalto di Roma Giochiamo una domanda a testa verso il fondo dove possiamo accarezzarci cicatrici Calpestare rami vetri rotti spine rischiare Dal Colosseo a viale Glorioso su per il Gianicolo La strada spaccata dalle radici dei platani La tua mano dietro la testa quando ci siamo dati i baci sulla guancia E speravo di sbagliare ad appoggiare le mie labbra fermarmi a piazza Garibaldi con te addosso Roma che ci fissa da là sotto Sliding doors quale futuro avrebbe atteso Il cappellaio matto il sogno americano Suona la campana mezzanotte e devi dirmi addio Canticchio frasi per te che evaporano come incenso Ci sfioriamo con le tasche piene di terra e dollari d'argento Tracce nella polvere rotoliamo come dadi sul fondo della strada La piazzetta il campanile il mio cuore storto I tuoi capelli che brillano tra le mie dita La campana bianca l'ultimo rintocco appeso a un cappio. Mezzanotte e non riusciamo a dirci addio.

115 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS195 di Alessandro Mazzà

La seria entità convenzionalmente individuabile nella particella complessa d’energia mutevole per uno dei suoi più noti transiti denominata A.M. ha lasciato meno faticosamente di quanto appare il corp

ORATIO di Sandra Iai

Chi mi restituirà quest'attimo unico irripetibile che sta fuggendo via? Mentre scrivo preziosi istanti come acqua limpida scivolano tra le mie dita E quando il mio sguardo è puntato al domani e gli oc

SPECCHIO di Majlinda Petraj

Poso a terra il carico di fango, sassi e vestiti da cerimonia e mi siedo al centro di Me aspettando. La 'bambina' titubante dondolando sui suoi passi s'avvicina, si siede di fronte. Ci guardiamo. Guar

© 2017 Libereria