SAROS di Valentino Picchi Hechìzo

November 6, 2019

1 Quando, solo, mi confondo                                              se toccato dalle noie

2 nei pensieri miei retrattili                                                simili ad artigli,

3 infilzàti sui piccoli mondi in cui                                     si flettono le storie: lì

4 mi vedo sparso,                                                        fra i destini miei. Ecco

5 appare Luna,                                                            lei risplende,

6 astro d'amore                                                          mi disseta col vino malinconico

7 che è risposta alla fede nella notte e                                 nel suo perpetuo nascere:

8 luce dietro luce                                                         morendo io rinasco

9 dalla mia curiosità resa                                                    innocente, come

10 una giocosa eclissi narrante:                         l'oscuramento di un me frapposto all'io che racconta

11 "Io sono quel bambino che ancora gioca all'essere,              dicendo di non essere mai nato ma

12 un tempo lo volesti                                                      educato come un folle,

13 nemico della morte e                                                   innamorato della verità...

14 ispirato dalla vita."                                                      Sì, con essa liberato per

15 un feroce abbraccio lirico:                                            il canto del colore,

16 ché questo chiamo Amore,                                           fusione trinitaria fra

17 le ombre che noi siamo,                                               la luce che formiamo...

18 ribelli ad ogni Sole.                                                     Noi, pianeta di parole.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post recenti

November 6, 2019

Please reload

Archivio
Please reload

© 2017 Libereria